Azerbaijan…tour classico

Richiedi preventivo
Richiedi preventivo
Save To Wish List

Adding item to wishlist requires an account

1021

SCOPRI ANCHE LE NOSTRE PARTENZE GARANTITE

Condividi la tua esperienza con viaggiatori come te! Partenze Garantite tutto l’anno.

8 giorni
Baku

Viaggi di gruppo organizzati    >    Azerbaijan    >   Azerbaijan…tour classico

Itinerario

1. GiornoArrivo Baku

Arrivo all’aeroporto internazionale di Baku, Heydar Aliyev Airport. Incontro con il nostro rappresentante locale e trasferimento in hotel. Pernottamento.

2. GiornoBaku

Colazione in hotel. Le visite inizieranno con Martyr’s Alley, situato sulle pendici più alte della parte ovest della città. Questo è il posto migliore per una vista panoramica della città e della Baia di Baku. Entreremo poi nel centro storico di Baku, chiamato “Icheri Sheher”. Vedremo i punti salienti di Icheri Sheher tra cui: il Palazzo degli Shirvans, esempio più eclatante delle strutture del palazzo medievale in Azerbaijan, risalente alla metà del XV secolo e Patrimonio dell’UNESCO, costruito a due piani e di forma irregolare per fornire una migliore illuminazione all’interno, ultima residenza dei sovrani dello stato di Shirvan; la Maiden’s Tower o Torre della Vergine sulla cui storia e funzione ci sono diverse versioni, appare come un’antica fortezza a otto piani costruita originariamente come un faro, non ha analoghi in tutto l’Oriente ed è considerata il simbolo “non ufficiale” di Baku. Molto interessante la vista dell’intera baia di Baku che si apre dalla cima della torre. Pranzo in corso di escursione. Pernottamento in hotel

3. GiornoBaku - Ateshgah - Yanar Dag - Baku

Colazione in hotel. Partenza in direzione dell’antico tempio zoroastriano Ateshgah. Si trova a circa 30 km dal centro di Baku, nel sobborgo di Surakhany. Durante il trasferimento la guida vi spiegherà i fenomeni naturali unici presenti nel paese, come le fiamme naturali spontanee che fuoriescono dal terreno. La storia di Atashgah risale al tempo dei Sassanidi, quando il Zoroastrismo era la religione principale in questa regione. Durante l’invasione del califfato arabo alcuni degli adoratori del fuoco non accettarono l’Islam e alla fine furono costretti a tornare in India, dove la storia della religione del fuoco continuò. Una parte della popolazione del Caucaso rimase adoratori di fuoco anche dopo l’introduzione dell’Islam. Ad oggi esistono ancora adoratori del Sacro Fuoco soprattutto in Iran ed India. Dopo aver visitato il tempio, andremo allo Yanar Dag, non lontano dal tempio Surakhani. È certamente uno dei siti turistici più unici e particolari presenti in Azerbaijian: la “fiamma eterna”. Si tratta di una collina dal cui pendio esce gas naturale che brucia a contatto con la roccia e con l’aria, dando luogo a fiamme perenni che salgono dal terreno. Secondo una leggenda, la fiamma di Yanar Dag fu notata solo quando accidentalmente illuminata da un pastore negli anni ’50. Anche Marco Polo avvistò questi fenomeni, mentre era di passaggio qui, lungo la Via della Seta e ne riportò notizia nei suoi scritti. Vedremo poi fortezze che in epoca medievale formavano parte del sistema di difesa della penisola e l’attraente moschea di Amirjan. Rientro in hotel e pernottamento.

4. GiornoBaku - Maraza - Shamakhi - Lahij - Sheki

Dopo la colazione, lasceremo Baku per iniziare ad attraversare splendidi paesaggi sulla via per Shamakhi. Sulla strada da Shamakhi a Baku c’è il villaggio di Maraza noto per un suo singolare monumento: si tratta di una moschea a mausoleo del XV secolo chiamata Diri-Baba, situata di fronte al vecchio cimitero. All’arrivo a Shamakhi visiteremo la storica Moschea di Juma (ricostruita nel XIX secolo). Questa è la più grande ed antica moschea dell’Azerbaijan, Shamakhi Dzhuma, secondo la leggenda è stata costruita nell’VIII secolo quando Shamakhi fu scelta come residenza da un califfo arabo. Costruita quindi più di 1.200 anni fa, resta ancora oggi una delle più grandi strutture di culto del Caucaso. Visiteremo il mausoleo di Yeddi Gumbez o “Sette Cupole”, situata ai piedi della fortezza di Gulistan. Pranzo in corso di escursione. Prima di arrivare alla storica città di Sheki, visiteremo il villaggio di Lahij, un centro di artigianato azero. Sistemazione in hotel e pernottamento a Sheki.

5. GiornoSheki - Kish - Sheki

Colazione in hotel. Sheki è uno dei luoghi più famosi ed antichi dell’Azerbaijian. Situata a 700m slm, è come un anfiteatro, circondata da montagne e foreste di querce. Questa antica città fu a lungo nota come un centro di produzione della seta e quindi un’importante tappa della Via della Seta. Inizieremo il nostro tour di Sheki con la visita al palazzo estivo del Khan del XVIII secolo con magnifici affreschi e straordinari lavori di vetro colorato. Di particolare interesse per i turisti provenienti da tutto il mondo è il Palazzo di Sheki Khans (1762), un raro esempio di combinazione delle tradizioni nazionali e di architettura del palazzo. Incredibile pensare come per la costruzione del palazzo non è stato usato neppure un chiodo ed il vetro colorato per lo shebeke (mosaico nazionale) provenisse da Venezia. Pranzo in corso di escursione. Poi, visiteremo un centro di produzione “Shebeke” dove i turisti incontreranno gli artigiani locali che parleranno del loro processo di produzione. La nostra conoscenza con Sheki proseguirà con una visita alla chiesa albanese, che si trova nel villaggio di Kish. Secondo la leggenda, questa chiesa è la prima chiesa cristiana costruita in tutta la zona Transcaucasica. Questo luogo è anche notevole perché nel tempio sono state trovate sepolture di persone la cui costituzione è diversa dagli attuali abitanti della regione. Gli scienziati ed i ricercatori che hanno studiato gli scheletri ritrovati, sono giunti alla conclusione che appartengono a persone alte, con capelli biondi e occhi azzurri. Il famoso esploratore norvegese Thor Heyerdahl, che visitò queste terre, giunse alla conclusione che gli albanesi erano gli antenati dei vichinghi che emigrarono in questi luoghi a nord. Nel 2003, la chiesa è stata restaurata con denaro donato dal governo norvegese grazie agli sforzi personali di Thor Heyerdahl. Vicino al territorio della chiesa, è possibile vedere un busto commemorativo in onore del famoso ricercatore posato come segno di apprezzamento dalla popolazione locale. Rientro in hotel. Pernottamento.

6. GiornoSheki - Ganja - Baku

Dopo la colazione in hotel lasceremo Sheki in direzione della principale città storica e architettonica: Ganja. Ganja è la seconda città più grande del paese, un monumento della cultura antica ed anche il centro industriale dell’Azerbaijan occidentale. Questa città ha una storia che risale al 494 a.C. (nel 2018 Ganja celebrerà il 2512° anniversario) ed è di grande interesse per i turisti. Ganja è il luogo di nascita del grande poeta azero Nizami Ganjevi. Pranzo in corso di escursione. Visiteremo la moschea Shah Abbas, la chiesa ortodossa e la “Casa della Bottiglia”, decorata con 50.000 bottiglie di vetro. Nel 1966 un abitante di Ganja, Ibrahim Jafarov, per costruire la sua casa sceglieva un materiale insolito: bottiglie di vetro. Nella costruzione sono state utilizzate complessivamente 48.000 bottiglie di varie forme e dimensioni, utilizzando anche pietre colorate portate da Sochi. Ibrahim Jafarov ha dedicato la costruzione della casa alla memoria di suo fratello, venuto a mancare durante la Seconda Guerra Mondiale del 1941-45. Questa insolita casa è una particolare attrazione locale. Arrivo a Baku, sistemazione in hotel e pernottamento.

7. GiornoBaku - Gobustan - Vulcani Di Fango - Baku

Dopo la colazione in hotel, partenza alla volta della Gobustan Historical Reserve. Questo luogo è conosciuto per le sue pitture rupestri perfettamente conservate (si tratta di petroglifi), una sorta di “archivio” artistico dell’evoluzione umana sulla Terra. Riflettono la storia di questa regione abitata per quasi 15.000 anni, dalla fine dell’era del Paleolitico superiore fino al Medioevo. Prima dell’inizio del tour di Gobustan visiteremo il museo interattivo con lo stesso nome, dove con l’aiuto di programmi speciali e schermi tattili multimediali otterremo informazioni sulla flora di Gobustan. Nel 2007 Gobustan è stato dichiarato Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Pranzo in corso di escursione. Suguirà la visita dei vulcani di fango, altro fenomeno naturale unico che può vantare la destinazione. Questo tour è però soggetto a riconferma secondo le condizioni meteo. sarà infatti possibile percorrere le strade che vi portano a questo luogo solo nel caso in cui le piste siano asciutte. Rientro nel pomeriggio a Baku. Pernottamento in hotel.

8. GiornoBaku - Partenza

Tempo permettendo colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in coincidenza con i voli di rientro.

Mappa